VolaBologna Forum

Aviazione e non solo
Oggi è 08/12/2019, 22:17

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Valle D'Aosta con un finale torinese
MessaggioInviato: 23/07/2018, 12:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 04/07/2008, 19:12
Messaggi: 8366
Località: Bologna
Due settimane fa, io ed Eleonora, abbiamo fatto una vacanza in montagna, stavolta abbiamo scelto la Val D’Aosta, non ci eravamo mai stati.

Partenza sabato 7 mattino, niente levataccia ce la siamo presa comoda, siamo arrivati a La Salle verso le undici, al residence Villamour dove abbiamo pernottato per una settimana.
Lasciato le valige in camera ripartiamo per andare ad Aosta.
Dopo aver mangiato un panino al volo, visitiamo la piccola città valdostana.
La Torre dei Balivi, in origine era solo una torre poi furono aggiunti gli edifici circostanti, oggi è la sede dell’istituto musicale di Aosta

Immagine_DSC5875
by alberto cisotto, su Flickr

Da qui si vedono i resti dell’unica facciata rimasta integra del Teatro romano…la città ha origini romane

Immagine_DSC5880
by alberto cisotto, su Flickr

Arco Augusto

Immagine_DSC5885
by alberto cisotto, su Flickr

Alcuni resti delle mura che proteggevano la città

Immagine_DSC5890
by alberto cisotto, su Flickr

La piazza principale, con il Municipio

Immagine_DSC5891
by alberto cisotto, su Flickr

La Cattedrale di Santa Maria Assunta e San Giovanni Battista

Immagine_DSC5897
by alberto cisotto, su Flickr

Con i suoi due campanili

Immagine_DSC5906
by alberto cisotto, su Flickr

Porta Pretoriana

Immagine_DSC5920
by alberto cisotto, su Flickr

Collegiata di Sant’Orsola

Immagine_DSC5924
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC5927
by alberto cisotto, su Flickr

Nel tardo pomeriggio siamo rientrati a La Salle.
Stanchi un po' dal viaggio decidiamo di mangiare a pochi minuti dal residence, a "la Jolie Bergere" un hotel ristorante situato a Planaval un po' più su di La Salle...infatti si stava più freschi :mrgreen:

La domenica mattina ci siamo svegliati presto e, dopo una ricca colazione, ci siamo diretti verso la cascata di Lillaz, si trovano all'interno del Parco del Gran Paradiso.
Nel sentiero che si percorre a piedi per raggiungere la cascata, si possono vedere alcuni tipi di rocce...un piccolo "percorso geologico"

Immagine_DSC5935
by alberto cisotto, su Flickr

Ecco la cascata in tutta la sua bellezza...ed anche freschezza!

Immagine_DSC5957
by alberto cisotto, su Flickr

Scendiamo verso un’area pic-nic dove ci siamo fermati a mangiare un panino

Immagine_DSC5985
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC5989
by alberto cisotto, su Flickr

Un piccolo laghetto presente nell’area pic-nic

Immagine_DSC5996
by alberto cisotto, su Flickr

Finita la nostra “pausa pranzo”, torniamo alla macchina e ci spostiamo in una zona sempre all'interno del Parco del Gran Paradiso dove abbiamo fatto una passeggiata in mezzo alla natura, peccato che il sentiero era prevalentemente al sole e faceva molto caldo

Immagine_DSC6003
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6013
by alberto cisotto, su Flickr

Verso sera rientriamo a La Salle dove siamo andati a cenare alla “Trattoria Cheverel”, provando qualche piatto tipico valdostano

Immagine20180708_200157
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine20180708_202244
by alberto cisotto, su Flickr

Il lunedì abbiamo dedicato la giornata alla visita di alcuni castelli, partendo dal più lontano rispetto a dove alloggiavamo…il Castel Savoia.
Si trova a Gressoney-Saint-Jean ed è stata la dimora di villeggiatura della Regina Margherita di Savoia

Immagine_DSC6014
by alberto cisotto, su Flickr

La visita all’interno del castello è guidata e ci vengono spiegati i particolari ed i vari aneddoti storici legati a questa regale dimora.
L’accesso avviene tramite una porta di servizio, l’entrata principale sarebbe questa, con due scale ai lati che portano al piano superiore, e da sul salone d’onore

Immagine_DSC6018
by alberto cisotto, su Flickr

A piano terra c’è anche un biliardo, la regina amava questo gioco e se ne fece portare uno nella sua sala giochi

Immagine_DSC6024
by alberto cisotto, su Flickr

Attraversiamo poi la grande veranda semicircolare, con una vista meravigliosa su montagne e bosco circostanti

Immagine_DSC6026
by alberto cisotto, su Flickr

Su camini, muri e porte, sono presenti i simboli che contraddistinguono da sempre la famiglia Savoia

Immagine_DSC6031
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6032
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6033
by alberto cisotto, su Flickr

Al piano superiore si ha accesso anche alla camera da letto della regina

Immagine_DSC6049
by alberto cisotto, su Flickr

Con affianco il suo bagno personale, da notare la divisione a parte dell’angolo wc

Immagine_DSC6047
by alberto cisotto, su Flickr

E sull’altro lato un piccolo studio/scrittoio

Immagine_DSC6044
by alberto cisotto, su Flickr

Terminata la visita torniamo all’auto, ci fermiamo sempre a Gressoney-Saint-Jean per pranzare al "Ristorante Carducci".
Dopo pranzo ci dirigiamo verso il Forte di Bard, situato nell'omonimo paese, che il lunedì è chiuso...perciò una foto solo dall'esterno

Immagine_DSC6073
by alberto cisotto, su Flickr

Il forte è famoso anche perchè sono state girate alcune scene del film "Avengers: Age of Ultron", gli amanti dei film della Marvel se lo ricorderanno sicuramente :wink:
Ci rimane ancora tutto il pomeriggio a disposizione e decidiamo di visitare un altro castello che si trova sulla strada del ritorno verso il nostro residence, il Castello di Fénis, uno dei più famosi della Valle d'Aosta

Immagine20180709_155914
by alberto cisotto, su Flickr

Iniziamo anche qui la visita guidata al suo interno.
Questo è il cortile interno di forma quadrata, dalla foto non si vede molto bene, ma in ogni angolo superiore ci sono delle grondaie che fungevano da raccolta dell'acqua piovana, infatti sotto alla pavimentazione c'è un'enorme cisterna in pietra dove veniva raccolta e conservata l'acqua piovana da utilizzare in casi di emergenza

Immagine_DSC6087
by alberto cisotto, su Flickr

Proseguendo il giro all'interno del castello, troviamo la cucina con un enorme camino dove venivano cucinati anche interi animali grazie alla sua grossa capienza

Immagine_DSC6091
by alberto cisotto, su Flickr

Al piano superiore c'è la stanza da letto, è normale trovare letti molto corti nei castelli, questo perchè nel medioevo si dormiva non completamente stesi, questa posizione ricordava la morte e serviva respirare meglio data la presenza del fumo che arrivava dai camini nelle stanze

Immagine_DSC6099
by alberto cisotto, su Flickr

E torniamo a La Salle, per poi la sera andare a cena nella vicina Courmayeur
Cena al ristorante "Cadran Solaire".
Poi una passeggiata digestiva per il paese

Immagine_DSC6152
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6153
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6154
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6158
by alberto cisotto, su Flickr

Il martedì altro giorno dedicato alla visita di qualche castello.
Il primo che abbiamo visitato è stato il Castello di Sarre che fu la dimora di caccia di Vittorio Emanuele II e Umberto I di Savoia

Immagine_DSC6164
by alberto cisotto, su Flickr

Prima di iniziare la visita guidata si può percorrere il piano terra dove in origine c'era l'appartamento del principe ereditario, quello del custode e una sala da pranzo collegata ai locali di cucina, dispensa e cantina del piano sotterraneo, ora invece vi è una mostra dedicata alla famiglia Savoia

Immagine_DSC6167
by alberto cisotto, su Flickr

Il plastico del castello

Immagine_DSC6173
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6176
by alberto cisotto, su Flickr

Iniziamo la visita guidata, dal primo piano

Immagine_DSC6178
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6179
by alberto cisotto, su Flickr

In questo piano troviamo la Galleria dei Trofei, decorata con centinaia di corna di stambecco come ordinato dal re Umberto I

Immagine_DSC6191
by alberto cisotto, su Flickr

A seguito di questa Galleria c'è la Sala dei Trofei ornata sia da corna che da teste imbalsamate di stambecchi e camosci. Preciso che al tempo non veniva praticata la caccia come passatempo o sporto, ma perchè si necessitava della carne degli animali per mangiare...metto solo questa foto della Sala

Immagine_DSC6193
by alberto cisotto, su Flickr

Proseguendo arriviamo al secondo piano, dove troviamo esposto il vecchio tricolore

Immagine_DSC6199
by alberto cisotto, su Flickr

La Prima Sala dedicata a Vittorio Emanuele III ed Elena di Montenegro, la Seconda Sala dedicata ad Umberto e Maria Josè del Belgio, e la Terza Sala dedicata ai figli di Umberto e Maria Josè

Immagine_DSC6200
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6202
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6203
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6204
by alberto cisotto, su Flickr

Terminata la visita faccio qualche foto all'esterno, c'è una bella vista da quà sù

Immagine_DSC6206
by alberto cisotto, su Flickr

Il giardino del castello

Immagine_DSC6208
by alberto cisotto, su Flickr

E le montagne dietro al castello, che furono territorio di caccia di Vittorio Emanuele II ed Umberto I

Immagine_DSC6210
by alberto cisotto, su Flickr

Torniamo all'auto ed andiamo a Saint-Pierre, dove si trova il Castello Sarriod de la Tour

Immagine_DSC6216
by alberto cisotto, su Flickr

Da qui si vede anche il vicino Castello di Saint-Pierre che sarà aperto al pubblico nel 2020

Immagine_DSC6215
by alberto cisotto, su Flickr

L’interno del castello Sarriod de la Tour è abbastanza vuoto, rimangono pochi resti…un particolare molto interessante è il soffitto di questa stanza ornato da piccole statue o facce, ognuna con un significato diverso

Immagine_DSC6223
by alberto cisotto, su Flickr

Questo castello da un lato era in comunicazione con il Castello di Saint-Pierre, dall’altro con il Cstello di Chàtel-Argent in posizione molto più arroccata e difficile da raggiungere, infatti le visite guidate vengono effettuate solo su prenotazione

Immagine_DSC6229
by alberto cisotto, su Flickr

Pranzo veloce alla “Locanda dei Sognatori” e poi di nuovo in viaggio verso il Castello di Issogne

Immagine_DSC6230
by alberto cisotto, su Flickr

Sotto ai portici del cortile interno ci sono molti affreschi che rappresentano i mestieri del tempo

Immagine_DSC6237
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6238
by alberto cisotto, su Flickr

Sala da pranzo

Immagine_DSC6243
by alberto cisotto, su Flickr

Cucina, nei boccali ci sono ancora i loghi delle birre di quell'epoca

Immagine_DSC6247
by alberto cisotto, su Flickr

La stanza del tribunale, da notare gli affreschi ai lati...le colonne sembrano vere :shock:

Immagine_DSC6287
by alberto cisotto, su Flickr

Terminata la visita siamo tornati al Forte di Bard, stavolta aperto al pubblico. Devo dire che esternamente fa la sua bella figura scenografica, ma internamente pensavo meglio…è praticamente stato svuotato ed adibito a musei per ogni suo piano (dove non si possono fare foto).
Per salire abbiamo utilizzato i tre ascensori panoramici, mentre per scendere abbiamo percorso il tragitto pedonale

Immagine_DSC6291
by alberto cisotto, su Flickr

Alla base del castello si trova il borgo medievale di Bard

Immagine_DSC6296
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6297
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6300
by alberto cisotto, su Flickr

La sera ci siamo fermati a cena a Morgex, al ristorante “La Locanda”.

Il mercoledì gita nella vicina Francia, a Chamonix.
Volevamo visitare la grotta di ghiaccio scavata nel fianco del ghiacciaio della Mer de Glace, ci si può arrivare tramite la ferrovia Chamonix-Montenvers a cremagliera per poi continuare con una funivia o un percorso a piedi. La stazione da cui parte la cremagliera è affianco alla stazione ferroviaria principale di Chamonix, in biglietteria ci viene detto che la grotta è chiusa per manutenzione….decidiamo comunque di prendere il treno a cremagliera ed arrivare su dove c’è la funivia (chiusa anch’essa per manutenzione).
Mi metto dal lato finestrino per fare qualche foto, la ferrovia in alcuni punti si affaccia da un lato proprio sullo strapiombo

Immagine_DSC6316
by alberto cisotto, su Flickr

Arriviamo alla fine del tragitto della cremagliera ed ecco lo spettacolo che si può godere da una terrazza panoramica proprio davanti al Massiccio del Monte Bianco

Immagine_DSC6331
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6334
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6337
by alberto cisotto, su Flickr

La funivia che collega la terrazza alla grotta di ghiaccio

Immagine_DSC6332
by alberto cisotto, su Flickr

Troviamo anche una piccola galleria di esposizione di diamanti

Immagine_DSC6344
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6353
by alberto cisotto, su Flickr

Percorrendo un breve sentiero arriviamo ad un'altra piccola mostra di foto e storia del ghiacciaio del Monte Bianco e di altri monti. Ci fermiamo a pranzare in un bar ristorante vicino, poi riprendiamo il treno a cremagliera per scendere in paese.
Qualche foto dal finestrino

Immagine_DSC6370
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6380
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6383
by alberto cisotto, su Flickr

Una foto scesi dal treno a cremagliera, composto da due carrozze...un vero pezzo di storia per questa antica linea ferroviaria

Immagine_DSC6387
by alberto cisotto, su Flickr

In questa piccola stazione ci sono esposte alcune locomotive, vagoni ed attrezzature ferroviarie che venivano utilizzate tra gli anni trenta e sessanta (so che Beppe, e non solo, apprezzerà :wink: )

Immagine_DSC6391
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6392
by alberto cisotto, su Flickr

Da dietro la stazione nuova di Chamonix si può vedere il Monte Bianco con la sua lunga lingua del ghiacciaio che scende per molti metri

Immagine_DSC6402
by alberto cisotto, su Flickr

Una passeggiata per la città…nell’area vicino al campo sportivo troviamo una gara di scalata

Immagine_DSC6419
by alberto cisotto, su Flickr

Il fiume Arve che attraversa il paese

Immagine_DSC6424
by alberto cisotto, su Flickr

La Chiesa di San Michele

Immagine_DSC6431
by alberto cisotto, su Flickr

Particolare di questo palazzo ornato da disegni

Immagine_DSC6434
by alberto cisotto, su Flickr

Da Chamonix parte la funivia, “Funivia dei Ghiacciai”, che permette di arrivare fino in cima al Monte Bianco per poi scendere fino a Courmayeur

Immagine_DSC6442
by alberto cisotto, su Flickr

La sera ceniamo al ristorante “La Calèche”

Immagine20180711_194835
by alberto cisotto, su Flickr

Dopo una passeggiata serale torniamo a La Salle.

Il giovedì mattina siamo andati al Parc Animalier d’Introd, dove si può vedere parte della fauna e flora che popolano la Val d’Aosta, in un ambiente il più vicino possibile al loro habitat naturale
Ricci

Immagine_DSC6460
by alberto cisotto, su Flickr

Camosci

Immagine_DSC6464
by alberto cisotto, su Flickr

Marmotte

Immagine_DSC6474
by alberto cisotto, su Flickr

Rapaci notturni…come questa coppia di Barbagianni

Immagine_DSC6490
by alberto cisotto, su Flickr

Cervi

Immagine_DSC6498
by alberto cisotto, su Flickr

Cinghiali

Immagine_DSC6513
by alberto cisotto, su Flickr

Lepri

Immagine_DSC6514
by alberto cisotto, su Flickr

Volpi

Immagine_DSC6515
by alberto cisotto, su Flickr

Tassi

Immagine_DSC6518
by alberto cisotto, su Flickr

Stambecchi

Immagine_DSC6536
by alberto cisotto, su Flickr

Ad Introd, oltre ad esserci questo bellissimo parco naturale, c’è anche la Maison Bruil, un’antica casa rurale dove tutti gli spazi necessari per la sopravvivenza erano racchiusi sotto lo stesso tetto.
Al piano più basso, sotterraneo, c'era la stalla

Immagine_DSC6548
by alberto cisotto, su Flickr

La cantina per conservare il vino ed i formaggi

Immagine_DSC6553
by alberto cisotto, su Flickr

Una stanza dedicata alle verdure

Immagine_DSC6563
by alberto cisotto, su Flickr

Al piano terra c'erano le stanze adibite alla cucina per produrre il pane ed altri alimenti

Immagine_DSC6572
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6573
by alberto cisotto, su Flickr

Nel sottotetto si conservavano uova, frutta, salsicce e pane

Immagine_DSC6578
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6579
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6584
by alberto cisotto, su Flickr

Terminata la visita, pranzo veloce con un panino...per poi andare al vicino Castello di Introd

Immagine_DSC6601
by alberto cisotto, su Flickr

Questo castello oggi è abitato dal Conte Caracciolo di Brienza, ma parte della sua proprietà è aperta al pubblico per visite guidate.
All'interno delle mura del castello c'è un cortile, con al centro l'unica torre presente

Immagine_DSC6618
by alberto cisotto, su Flickr

Il salone

Immagine_DSC6624
by alberto cisotto, su Flickr

Si può anche salire in cima alla torre, da cui si ha un'ottima vista

Immagine_DSC6639
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6643
by alberto cisotto, su Flickr

Affianco al castello c'è l'antico fienile

Immagine_DSC6644
by alberto cisotto, su Flickr

Più vicina alla strada c'è la scuderia di costruzione rinascimentale, oggi casa di proprietà

Immagine_DSC6653
by alberto cisotto, su Flickr

Aspettiamo il passaggio dei ciclisti che stavano percorrendo il giro della Valle d'Aosta

Immagine_DSC6668
by alberto cisotto, su Flickr

Prima di lasciare Introd fotografo questo ponte costruito nel 1915 per collegare il capoluogo con il resto del comune ed il fondovalle

Immagine_DSC6686
by alberto cisotto, su Flickr

Non avevamo ancora visitato il paese di La Salle, il nostro residence si trovava fuori paese, così decidiamo di fare una passeggiata prima di andare a cena

Immagine_DSC6696
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6697
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6703
by alberto cisotto, su Flickr

Venerdì, ultimo giorno intero per noi in Val d'Aosta...decidiamo di andare a farci una passeggiata in località Thumel, che si trova all'interno del Parco del Gran Paradiso

Immagine_DSC6712
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6719
by alberto cisotto, su Flickr

Avvistiamo anche delle marmotte (nella foto non si vede bene perchè lontane)

Immagine_DSC6727
by alberto cisotto, su Flickr

Pranzo al sacco in riva al lago di Pellaud

Immagine_DSC6736
by alberto cisotto, su Flickr

E nel pomeriggio ripartiamo.
Di ritorno verso il residence, facciamo una veloce tappa all'aeroporto, Aeroporto regionale della Valle d'Aosta "Corrado Gex"...sì, non c'è praticamente nulla...però...già che c'eravamo :mrgreen:

Immagine20180713_142428
by alberto cisotto, su Flickr

Immagine_DSC6747
by alberto cisotto, su Flickr

Unico ospite in piazzale era questo elicottero

Immagine_DSC6748
by alberto cisotto, su Flickr

Ultima tappa prima di tornare a La Salle è stata il ponte-acquedotto romano, nel villaggio di Pont d'Ael

Immagine_DSC6753
by alberto cisotto, su Flickr

La sera cena a La Salle al ristorante "Petit Gourmet".

Il sabato mattina lasciamo la bellissima e calda Val d'Aosta ed andiamo a Torino, una piccola tappa di un giorno da amici di Eleonora.
Passeggiata nel Parco del Valentino, attraversato dal fiume Po

Immagine_DSC6759
by alberto cisotto, su Flickr

Monumento all'Artigliere

Immagine_DSC6769
by alberto cisotto, su Flickr

Ponte Umberto I

Immagine_DSC6773
by alberto cisotto, su Flickr

Vicino al centro, sulle sponde del Po, ci sono i Murazzi

Immagine_DSC6780
by alberto cisotto, su Flickr

Poi inizia a piovere e continuiamo la passeggiata sotto ai portici del centro storico di Torino.

La domenica mattina siamo ripartiti verso Bologna, concludendo così una bellissima e rilassante vacanza.
La Val d'Aosta mi è piaciuta molto con i suoi meravigliosi paesaggi ed i suoi storici castelli, il clima era più caldo di quel credevo ma non importa...ci siamo comunque divertiti e rilassati! :D

_________________
Bene Bene


Ultima modifica di Ciso il 14/01/2019, 13:11, modificato 10 volte in totale.

Top
   
MessaggioInviato: 23/07/2018, 14:53 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 17/04/2009, 21:33
Messaggi: 126
Ciao Ciso,
non so se sia stato un problema mio, ma molte foto non si aprivano completamente e molte compariva solo il n. di foto.
Quelle che ho visto comunque mi sono piaciute.


Top
   
MessaggioInviato: 24/07/2018, 17:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 06/12/2007, 15:28
Messaggi: 14398
Località: Bologna
Ammazza quanti cavolo di castelli Ciso... vi siete fatti un overdose di storia :mrgreen:

La montagna regala sempre panorami fantastici e la VDA con le sue vette più alte delle Alpi non è da meno benchè siano molto diversi da quelli dolomitici...

Molto molto carina Aosta dove affiorano le sue origini romane in ogni suo angolo!


Punti negativi 2: il primo è per voi che in una settimana là non siete mai andati sopra quota 2000 mt in un valle piena di over 4000 :oops: :oops: :evil:

il secondo è relativo a quelle foto fatte da sopra Chamonix.... mi piange il cuore a guardarle e vedere che mancano chilometri e metri (in altezza) di ghiaccio in ogni vallone del Monte Bianco...

_________________
https://www.facebook.com/paginavolabologna/


Immagine


Top
   
MessaggioInviato: 25/07/2018, 9:30 
Non connesso
Site Admin

Iscritto il: 05/10/2007, 14:15
Messaggi: 13810
Località: Bologna
Le tue foto trasmettono il relax che avete ricercato in questa vacanza!

Non avevo mai visto così tanti castelli tutti insieme! Spettacolo 8)



Lorenzo BLQ ha scritto:
il secondo è relativo a quelle foto fatte da sopra Chamonix.... mi piange il cuore a guardarle e vedere che mancano chilometri e metri (in altezza) di ghiaccio in ogni vallone del Monte Bianco...


:cry: :cry:

_________________
Immagine


Top
   
MessaggioInviato: 12/08/2018, 16:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/10/2007, 23:08
Messaggi: 5325
Località: Bologna
Il famoso castello nella capitale della Sokovia, molto bello.
Complimenti per tutti i castelli che avete visitato, tutti molto belli e ricchi di storia.

_________________
Io non corro...Volo basso... Vorsprung Durch Techink OOOO
ImmagineImmagineImmagine


Top
   
MessaggioInviato: 13/08/2018, 19:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2007, 20:49
Messaggi: 6140
Località: Bologna
Devo dire che mi hai fatto rivedere una parte di queste bellissime zone, sono anni che non ci sono ritornato...mi hai rinfrescato dei ricordi, bisogna che ci ritorni prima o poi :!:

_________________
La cosa più difficile di tutte è di trovare un gatto nero in una stanza buia, soprattutto se non c’è il gatto.
CONFUCIO


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net